Circolo Musicale
Mayr-Donizetti

NOTE DI REGIA - Carmen

Note di regia (a cura del Prof. Valerio Lopane, musicologo e regista)

Carmen trova la sua validità drammatica nei violenti contrasti che serpeggiano per tutto lo svolgersi della vicenda connotandola fino all’estremo di un’arroventata passionalità mediterranea. Basterebbe l’accostamento tra le due principali figure femminili a tratteggiare questo senso di opposti. Ma il clima di antitesi si legge anche nelle diverse ambientazioni dei quattro quadri: la piazza assolata e vivacemente popolata nel primo, l’interno di un’osteria affollata nel secondo, nude rocce sotto il cielo stellato nel terzo ed infine una nuova piazza, prima vitalissima e poi dolorosamente svuotata dal dramma. La mia idea registica trova alimento proprio nei contrasti ambientali tra i vari momenti; mi propongo dunque di restituire tutta la violenza scenica di una vicenda che si colora delle tinte infuocate di una Spagna magari non realistica, ma sempre esotica ed affascinante. Ai solisti chiederò di sottolineare con la giusta enfasi i tratti voluti dagli autori, in modo che emergano, soprattutto, una Carmen “decisa a tutto” e una Micaëla giusta, timida e moderata. Darò una narrazione visuale anche ai tre sognanti e simbolici entr’act, i cui toni sembrano voler riassumere le decise contrapposizioni della vicenda.La presenza del ballo suggerirà un percorso meditativo, rafforzato da videoproiezioni riferibili all’evidenza cromatica della scuola pittorica spagnola con alternanze di visioni di serenità e speranza e squarci di accesa, ineluttabile violenza.